Lavorazione del terreno: Profonda o superficiale?

Il concetto di lavorazione principale rimane ancora fortemente legato all’aratura, per ragioni dovute più alla “cultura”che alla coltura. Non è un semplice gioco di...
agricoltura

Agricoltura senza aratro: più redditizia e sostenibile

Presentati alla Direzione generale Agricoltura e sviluppo rurale dell’Ue i risultati di uno studio di Ecaf sui benefici dell’agricoltura conservativa: risparmi fino al 60% dei costi di gestione aziendale e possibilità di centrare gli obiettivi del protocollo di Kyoto
grano

Grano duro, ecco le varietà più adatte all’agricoltura conservativa

I risultati delle prove sperimentali del Crea-CI di Foggia evidenziano come tra le prime 10 cultivar di grano duro più produttive, Iride, Ettore, Kanakis e Marakas, siano quelle che meglio si adattano alle tecniche conservative negli areali pugliesi

Semina diretta, stessa resa con meno spesa

Nell'azienda agricola marchigiana Mastai Ferretti si praticano già da anni tecniche di agricoltura conservativa con risultati tangibili in termini di conto economico e impatto ambientale

Minima lavorazione del suolo con l’ Agricoltura Blu

Programmi di Sviluppo Rurale di diverse Regioni Italiane hanno condiviso l’importanza di diffondere le lavorazioni minime e conservative del terreno. Per garantire una corretta applicazione di questa tecnica hanno inserito fra i parametri da rispettare quello della profondità di lavoro che, in quasi tutti i casi, non deve superare i 15 cm di profondità.
Agricare

Agricare, conservativa e precisione binomio vincente

I risultati del progetto di Veneto Agricoltura Life+ Agricare dimostrano i vantaggi economici e ambientali nell'utilizzo contemporaneo delle tecniche dell'agricoltura conservativa e degli strumenti di precisione

I numeri sostengono l’agricoltura conservativa

Risparmio di gasolio, minori ore lavorate e tutela dell’ambiente
agricoltura conservativa

Agricoltura conservativa, sempre più ettari in Italia

Le ultime stime confermano la diffusione di queste tecniche. Nel nostro Paese siamo a quota 800mila ettari e nel 2020 torna in Europa il congresso mondiale
seminatrice da sodo

Semina su sodo: perchè conviene?

Sul mercato sono disponibili seminatrici da sodo in grado di ridurre le spese di gestione aziendale ed incrementare la fertilità dei suoli e la sostenibilità della cerealicoltura. Per i terreni poco profondi si consiglia l’utilizzo di macchine seminatrici con organi ad ancore (soprattutto per i cereali autunno-vernini e le foraggere), dotati spesso di sistema “non stop” idraulico che, dopo aver aperto il solco, consentono la deposizione del seme con una buona precisione.
conservativa

Precision farming e conservativa: l’agricoltura è già nel futuro

Il 9 maggio all'azienda agricola Vallevecchia di Caorle (Ve), giornata dedicata ai risultati del progetto Life+ Agricare con workshop e dimostrazioni in campo dedicati alle tecniche innovative per l'agricoltura di precisione e conservativa
- Advertisement -

© Copyright 2011 AIGACoS - Tutti i diritti riservati